Se fossi in voi

Emmanuel Chidi Namdi, 36 anni, era fuggito con la moglie 24enne Chinyery dalla Nigeria, trovando ospitalità presso il seminario di Fermo.
Una coppia che scappava dalle violenze di Boko Haram in Nigeria, una coppia che era arrivata in Italia per rifarsi una vita lontano dagli orrori di quello che è stato definito “l’islamic state nigeriano” e che voleva trovare pace nell’Europa della civiltà e dei diritti.
Tutto questo non è successo.
Sono stati picchiati selvaggiamente da un ultrà di estrema destra mentre passeggiavano per strada.
Ha dato della scimmia alla povera  Chinyery e Emmanuel ha osato reagire.
Ora Emmanuel è morto, ammazzato a forza di botte.

EMMANUEL01EMMANUEL02EMMANUEL03_newEMMANUEL04

Il gol del secolo.

Trent’anni fa Diego Armando Maradona segnava il “gol del secolo” contro l’Inghilterra, quella della Thatcher, della guerra per le Malvinas.
Quattro anni dopo quel conflitto bellico sciagurato l’Argentina torna ad alzare la testa.
Hugo Moralez lo racconta meglio di me, in diretta.
Io mi limito a riportare i fatti.

Questa la sequenza con cui si apre il mio graphic novel Diego Armando Maradona (BeccoGiallo editore, 2012)

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

Mars Lumograph Black

Staedtler, azienda tedesca leader nella produzione di strumenti da disegno mi ha dato la possibilità di provare in anteprima le sue nuove matite in grafite scura Mars Lumograph Black, studiate appositamente per i disegnatori professionisti.
Ne è uscita una breve recensione video realizzata nel mio studio ad opera del video-maker Stefano De Tullio.

 

L’Italia che scende in campo.

Ok, avete ragione voi juventini che state leggendo. “Questo post è ingiusto”.

E sì, lo ammetto. È ingiusto.

Tifa Napoli, come me, come il fumetto su Maradona che ho scritto e disegnato.
Colpo basso in vista del big match di sabato, penserete.
Però giuro, non ne faccio una questione di tifo calcistico, di cui, ora, mi importa relativamente.
Alcune cose vanno oltre.
Se tifate Juventus, tifate la squadra del Padrone. È la storia che lo dice. La vostra, ricca di vittorie, di successi. Quelli sfavillanti, prepotenti, anche se meritati.
E quella d’Italia, con gli Agnelli a capo di un impero e i terroni a far da sudditi, ad implorare uno stipendio, o peggio, un futuro.
E mi spiace, ma sabato, come nel 1987 io saró al fianco dei terroni. Perché purtroppo, al fianco dei padroni non ci so proprio stare.

“Che vinca il migliore”.
“Speriamo di no…”

 

image

image

image

image

image

image

image

image

image

image

image

image

image

Tavole tratte dal fumetto “Diego Armando Maradona” (Paolo Castaldi, BeccoGiallo editore, 2012)